Un'idea sul mercato dell'Inter

by Rouje

Il mercato di gennaio è entrato nel suo “momento clou”. Dopo gli arrivi in prestito di Lisandro Lopez dal Benfica e di Rafinha Alcantare dal Barcellona, l’Inter non accenna di certo a starsene con le mani in mano. Tramite Piero Ausilio e Walter Sabatini la società Nerazzurra cerca, da un lato, di regalare a Spalletti qualche ulteriore agognatissimo rinforzo (puntando profili che rispondano al ruolo di mediano o trequartista vecchio stile), dall’altro la coppia di dirigenti cerca di liberarsi di giocatori il cui ingaggio, se rapportato all’effettivo rendimento avuto negli anni passati in Nerazzurro, risulta eccessivamente gravoso per le casse della società. Per intenderci, Joao Mario e Eder.

Con gli acquisti fatti e quelli che si vorrebbero fare, la cifra tecnica globale della squadra non si alza di molto: si può tranquillamente affermare che il mercato di gennaio dell’Inter sia basato su parecchie variabili e poche certezze, dettate vuoi dalla tenuta fisica incerta di Rafinha, vuoi dallo scarso utilizzo da parte del Benfica di Lisandro Lopez. Quello che i dirigenti dell’Inter stanno cercando di fare non è potenziare in modo oggettivo la rosa dell’Inter, bensì fornire a Luciano Spalletti una più ampia gamma di scelte, potendo, grazie alle caratteristiche dei nuovi arrivati, adottare strategie diverse anche a gara in corso. In poche parole, non si cerca di migliorare l’Inter, ma di diversificarla: Rafinha è un centrocampista offensivo camaleontico, con ottime doti tecniche e discrete qualità fisiche. In più, ha dalla sua il fatto di riuscire a ricoprire diversi ruoli (nei Blaugrana ha giocato da trequartista, ala destra e sinistra, mediano e addirittura “falso nueve”). Lisandro Lopez, data la sua stazza imponente e la sua naturale propensione ad attendere l’attaccante piuttosto che a cercare l’anticipo (dote nella quale Skriniar e Miranda sono eccellenti), può tranquillamente giocare da ultimo uomo in una difesa a tre. Giocatori come Correa del Siviglia, Pastore del PSG, Sturridge del Liverpool o Ramires del Jiangsu Suning sono tutti obbiettivi dichiarati dell’Inter e sono tutti profili molto duttili, in grado di poter fornire quell’imprevedibilità che tanto manca al gioco dei Nerazzurri.

Cambi di moduli, ritmi di gioco e d’interpreti sono le idee su cui da molto tempo sta lavorando Spalletti, insistendo parecchio sul fatto che il più grande problema dovuto alla scarsezza della rosa interista non sia il pericolo di ritrovarsi senza titolari, ma di ritrovarsi senza alternative. Ampliare la rosa di scelte a disposizione significa poter cambiare veramente l’andamento di una partita, mettendo di fronte all’avversario una squadra nuova e inaspettata. Si evitano inoltre problemi come l’atavico isolamento di Icardi, la fastidiosa nullafacenza di Perisic o il compulsivo crossare di Candreva, che tanto aiuta in certi frangenti, ma a volte si rivela uno spreco di tempo. Inoltre l’Inter ha un disperato bisogno di avere dei giocatori in rosa in grado di cercare la soluzione del tiro da fuori area, freccia che tanto manca all’arco di Spalletti. L’esigenza di cambiare spartito sta indirizzando le scelte presenti e future di Sabatini e Ausilio, che cercano in un mercato di prestiti quelli che più sono estranei alle attuali caratteristiche dell’Inter.

Quello che quindi è chiaro è che di chiaro non deve esserci niente. Non avendo la disponibilità economica per investire cifre importanti e acquistare a titolo definitivo dei giocatori dal sicuro rendimento, l’Inter punta ad avere quanto più materiale possibile su cui lavorare, confidando che Luciano Spalletti, da talentuoso tecnico quale è, sappia ricavarne delle idee interessanti. Ancora una volta dunque la dirigenza conferma come il vero top player nerazzurro sia il Mister di Certaldo, affidandogli dei materiali eterogenei e confidando che sappia creare il giusto amalgama.

26/01/2018 Categories: InterInDeep Libero pensiero
©dopolavorointer.com
Rate this Content 8 Votes
You must sign in to this site to post comments.
Comments are closed on this post.



Seguici anche su

   


I Social ufficiali FC Inter

Inter TwetterInter FBInter YoutubeInter Instagram


 

 

desparentsautop.com

Consigli

per genitori al top!


desparentsautop.com/

 


 

Related Posts