Le pagelle di JulianRoss

LE PAGELLE

In ordine dal migliore al peggiore ma senza voto... mettetecelo voi nei commenti!

JUAN JESUS: E' giovane e deve lavorare soprattutto sui meccanismi difensivi, ma il fisico, la testa e pure il piede ci sono. Lanciato nella mischia da Stramaccioni sfodera una prestazione quasi impeccabile. Speriamo di vederlo molte volte quest'anno, anche dopo i prossimi rientri di Chivu e Samuel.

RANOCCHIA: Alla terza partita di campionato senza grosse sbavature possiamo forse tirare un sospiro di sollievo. Il pulcino bagnato visto all'opera negli ultimi 18 mesi sembra solo un lontano ricordo. Con Juan Jesus forma una coppia sulla quale vale proprio la pena di lavorare anche in proiezione futura.

HANDANOVIC: Risponde presente nella sfida a distanza con il rimpianto ex Julio Cesar che ieri aveva calato la saracinesca costringendo i campioni d'Europa del Chelsea allo 0-0 contro i suoi Queen's Park Ranger. Che in porta fosse una discreta sicurezza lo sapevamo quasi tutti. Fa in modo di ricordarlo anche ai più distratti quando, nel secondo tempo, salva il risultato sul tiro a colpo sicuro di Bianchi.

CASSANO: Gioca 20 minuti ma incide pesantemente sul match. Sempre spalle alla porta, riesce a tener alta la squadra, subisce falli e chiude la partita con il gol del 2-0. Con la condizione attuale direi che è il massimo a cui può e possiamo ambire.

MILITO: Dura giocare in una squadra che crea così poco. Vede la palla una volta ogni venti minuti, fortunatamente in una di queste occasioni è lestissimo a piazzare la stoccata del fuoriclasse infilando l'incolpevole Gillet con un gran tiro dai 20 metri.

CAMBIASSO: In ripresa rispetto alle ultime prestazioni. Nel primo tempo si piazza davanti o in mezzo ai centrali difensivi ad impostare il gioco. Nel secondo tempo agisce più avanti ma si fa comunque apprezzare per qualche buon recupero. Uno di quelli che speriamo di non vedere in campo giovedì in coppa perchè fisicamente non è in grado di reggere l'impegno ravvicinato.

GUARIN: Il dubbio che il modulo scelto dall'allenatore non sia proprio quello ideale per permettergli di dare il meglio di sè è abbastanza fondato. Prestazione più di quantità che di qualità infarcita di qualche errore di troppo in disimpegno. Con un altro centrocampista vero a fianco vedremmo sicuramente un altro giocatore.

ALVAREZ: Entra nel secondo tempo al posto di Jonathan e non lo fa certo rimpiangere. Ogni volta che ha la palla sui piedi ci si aspetta che possa nascere qualcosa di interessante; oggi capita raramente, domani chissà. Solo, per favore, eviti di mettersi a far dribbling davanti alla difesa con la partita ancora in bilico perchè i 3 punti stasera valgono come l'oro e non si può rischiare di perderli per una sciocchezza individuale.

PEREIRA: Un po' come per il suo ex compagno al Porto, non si capisce quanto la prestazione non eccezionale dipenda dalle scelte dell'allenatore. Ci mette fisico, corsa ed impegno ma dal giocatore di punta arrivato nella scorsa campagna acquisti ci si attende, onestamente, un po' di più.

SNEIJDER: Si vede poco ma provateci voi a inventare qualcosa quando attorno hai il deserto. Potrebbe timbrare il cartellino con una bella punizione che Gillet sventa abilmente. E' uno dei pochi fuoriclasse in rosa e bisogna puntare per forza su di lui, magari mettendogli anche attorno qualcuno con cui dialogare.

STRAMACCIONI: La formazione iniziale è di "ranierana" memoria: un bel 6-2-1-1 con 4 terzini speravamo di non vederlo più ma evidentemente la scoppola con la Roma ha lasciato segni pesanti. Ripagato alla grande dalla scelta-jolly di giornata Juan Jesus e pure da Cassano schierato nei 20 minuti finali. Qualcosa di buono cerchiamo di vederlo.

ZANETTI: Invisibile per 20 minuti, ci si ricorda della sua presenza in campo quando viene abbattuto da un difensore granata che pone fine ad una delle sue consuete percussioni . Nel secondo tempo altre due discese sulla destra ma, sostanzialmente, incide poco. La domanda è sempre la stessa: le giocherà tutte, sempre e comunque?

NAGATOMO: Solita prestazione tatticamente insufficiente. Spinge poco e difende peggio con, come unica attenuante, quella di non giocare mai 45 minuti consecutivi nella stessa zona del campo. Tappabuchi, nella speranza che un giorno non ci siano più buchi da tappare.

JONATHAN: Non si capisce proprio cosa faccia di tale in allenamento per convincere un allenatore a schierarlo titolare in una partita di campionato. Qualcuno potrebbe dire "rivedibile". Io, sinceramente, spero di rivederlo poco.

16/09/2012
©dopolavorointer.com
Rate this Content 0 Votes
You must sign in to this site to post comments.
Comments are closed on this post.



Seguici anche su

   


I Social ufficiali FC Inter

Inter TwetterInter FBInter YoutubeInter Instagram


 

 

desparentsautop.com

Consigli

per genitori al top!


desparentsautop.com/